Post

COASTOCOASTOCOAST 2022

Immagine
La domenica inizia prestissimo, fuori è ancora buio, ma il meteo non lasciava dubbi, ad ogni modo scruto le ultime stelle brillare in cielo. Sarà un giorno perfetto per arrivare sull'Adriatico e tornare indietro. Ma prima di uscire di casa ho una serie di consuetudini ed abitudini descritte già altre volte, per la prima volta invece vi mostro la mia "saddle cream" ... Love is Love ma credo più nel karma cogliendone la sarcastica ed ironica finalità, per sentirsi a casa ed essere presente nel qui e ora ci vogliono le palle! La strada è un po' la mia casa, tutto il tempo passatoci a giocare da ragazzino, gli oltre dieci anni in cui è stata il mio luogo di lavoro privilegiato, valgono una laurea ad honorem alla medesima università (ah, ah)! E la strada chiama sempre, passo il ponte (da mo') da prima che il sole si alzi sopra il profilo della città vecchia. La mia prima sosta è la solita. Poi prendo la via per Statte. Quando supero Italcave percepisco la temperatura

LA PRIMA ALBA, FENICOTTERI, TRENINO VA (VA)

Immagine
Non avevo ancora avuto modo di rivedere, riscrivere e metabolizzare i 558 km complessivi del festive500 che già alle 06:44 del primo Gennaio di queste stranissime feste ero già per strada per andare incontro alla prima alba dell'anno. Muovendomi verso e lungo la litoranea incrocio i primi raggi di sole all'altezza della Baia d'Argento.  Il sole fa brillare l'umidità, anche il solito passaggio tra le dune merita una piccola sosta. Non ho nessun impegno e pedalo senza incontrare altri ciclisti e pochissime macchine, come forse mai mi era capitato lungo la litoranea, è il bello di uscire così presto, pensare che tutto quanto sia li solo per te. Nessuna parola superflua, nessun saluto forzato nell'altro senso. Intorno alle 09:15 sono all'incrocio della Salina dei Monaci. Decido di entrare sul sentiero di sabbia malgrado la bicicletta da corsa e dopo qualche centinaio di metri arrivo a ridosso di un gruppo di fenicotteri rosa immobili sullo specchio d'acqua. Mi g

RAPHA FESTIVE500 2021

Immagine
Come già raccontato in un post precedente, quest'anno non ero sicuro di voler concludere i 500 km tra il 24 e il 31 Dicembre, mi sono iscritto, ma la mia testa era altrove, i miei pensieri più scuri del solito, poi però, alle 11:36 del 24 inizio la mia prima pedalata e tutto nella mia testa ritorna nel posto giusto, il sole illumina quello spazio vuoto portando le ombre lontano. DAY ONE - EASY ON Anche quest'anno la prima uscita coincide con gli impegni di lavoro, ma lo smart working e una giornata bellissima mi permettono di ottimizzare al meglio la pausa pranzo, tra l'altro la consueta cena familiare a casa nostra quest'anno è stata annullata per la quarantena di Emma... Pedalo ininterrottamente sulla litoranea fino al centro di San Pietro in Bevagna per risalire poi verso Manduria e rientrare a casa tagliando da Sava, Lizzano, Roccaforzata e Faggiano. Mi concedo poche soste per le foto, un giro facile senza fatica che mi permette di chiudere il primo giorno con 104 k

THE LAST GOOD STRAVA GRANFONDO OF THE YEAR

Immagine
In un altro tempo sarei uscito anche di sabato, con un vento fortissimo e la pioggia che ogni tanto irrompeva dal cielo, ma ho imparato ad aspettare e questo sabato me la sono presa comoda, rilassandomi e riposandomi. Domenica fa ancora un freddo bestiale, il vento è leggermente calato il cielo è libero da nubi minacciose. Per oggi ho due obbiettivi, il primo è chiudere l'ultima Granfondo di Strava, il secondo quello di andare a vedere personalmente la "cicloslitta di Natale" che l'amministrazione comunale di Ceglie Messapica ha installato in una piazza, perché negli ultimi giorni più volte l'ho incrociata online. Il cielo inizia a schiarirsi e sono già per strada, in tema di decorazioni natalizie, passo davanti a qualcuno che si crede di essere in un sobborgo di Boston!! Più avanti mi fermo nuovamente per immortalare la luna piena ancora ben visibile sopra l'orizzonte, questa volta perderò i primi raggi del sole che spunta mentre attraverso una desolata San G

RIDE FESTIVE500

Immagine
Ormai sono anni che m'iscrivo e partecipo a questa competizione impegnandomi fisicamente per percorrere materialmente i 500 km e mentalmente per cercare di trovare ogni anno una chiave di lettura diversa per raccontare questa storia. Quest'anno è diverso. Ho sicuramente una gran voglia di pedalare per così tanto tempo, la distanza non mi fa più paura, ho anche imparato a ritagliare il tempo alla perfezione e avrei anche tanto da dire...  Se gli altri anni aspettavo l'uscita della sfida come l'unica cosa che poteva mantenermi a galla in un mare di cibo, eccessi, auguri e luci intermittenti, quest'anno sono abitato da uno spirito diverso e benché mi sono iscritto praticamente subito, non sono ancora convinto di voler tagliare questo traguardo.

L'ALBA E' UN SEGRETO

Immagine
In uno degli ultimi post scrivevo "dico sempre la verità!" ed ecco, che improvvisamente, mi trovo a non poterlo fare. Sull'uscita di domenica mattina avevo iniziato ad imbastire il mio racconto a svilupparlo in una direzione che però mi ha portato in questo vicolo cieco. Questa volta la verità non si fa trascrivere, bruciata come un vampiro sotto i primi raggi del sole. Sono uscito presto, di notte. Pedalare in una strada silenziosa e fredda, la mia penombra schiacciata a terra dai lampioni. Il mare calmo scorre sempre più chiaro al mio fianco. Il cielo che impallidisce, sfumando nell'arancione. Ho un segreto in scia che non mi supera mai.   L'alba mi colpisce in pieno prima di Torre Sgarrata, il cielo s'infuoca, gli occhi si stringono il cuore si apre il tempo si ferma, il mare fuma... Uno spettacolo che si ripete ogni giorno, ma ci devi essere ogni giorno, puntuale, il cielo si spegne, gli occhi si aprono il cuore si stringe il tempo riparte, il mare sfuma..

IL GIRO DELLE SETTE CHIESE XII + KAILIA N/W +

Immagine
Il giro delle sette chiese potrebbe andare avanti all'infinito, però inizia a diventare faticoso organizzare un giro con partenza ed arrivo direttamente da casa e questo, al momento, è quello che ha avuto il tragitto più lungo. Le chiese si trovavano tutte nelle campagne a Nord-Ovest di Ceglie Messapica (ho già pronto quello a Sud/Est). Parto da casa poco prima delle 07:00, dopo un'ora ho appuntamento a Grottaglie con Luca e Vera che si uniscono al giro. Tra una nebbia che va diradandosi risaliamo in maniera leggera la specchia, caffè al bar della benzina della Madonna della Fontana, qualche chiacchiera con un tipo che si lamenta dei ciclisti che occupano la strada, qualche altro chilometro in direzione Ceglie fino a raggiungere il punto del percorso salvato sul mio garmin! Delle chiese di oggi ne conoscevo solo una, incrociata per puro caso (come spesso accade) in un giro di qualche settimana prima, tutte le altre le ho scovate consultando una dettagliatissima mappa di Ceglie