Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2021

PAURA E DELIRIO PER POLIGNANO A MARE

Immagine
L'uscita in MTB settimanale con Peppe ormai è diventata un appuntamento irrinunciabile, con lui non devo preoccuparmi di preparare la bicicletta, non devo studiare percorsi (anche perché di sentieri e sterrati ne so poco), guida sempre lui e non serve depilarsi le gambe, così facendo però, Peppe diventa un DOGMA e lo devi seguire soprattutto quando solchi allegro le proprietà private perché c'è una traccia da seguire o quando sbuchi nel cortile di una casa uscendo dalla vegetazione come una scimmia tossica a pedali, quando voli (a terra) tra gli scogli prima di Polignano a Mare o ti arrampichi come una capra tra la boscaglia verso Gorgofreddo. Se la settimana scorsa abbiamo rischiato il congelamento nella neve sull'Alta Murgia, questa volta siamo scesi dalla della Selva Di Fasano fino alle scogliere dell'Adriatico arrivando in una brulicante Polignano a Mare per poi tornare indietro. Furgone, colazione a Martina Franca e stop sulla Selva di Fasano. Le previsioni portano

FARGO

Immagine
In bicicletta con la neve era un'esperienza che avevo già provato, tanto tempo fa, ma era un percorso urbano su pulitissime piste ciclabili nei dintorni di Francoforte. La neve era solo un idilliaco contorno. Pedalare sulla neve invece era un desiderio che covavo da tanto e che per ragioni logistiche e meteorologiche non sono mai riuscito a concretizzare. Doveva coincidere tutto alla perfezione, la luna nuova, l'anno del Bufalo, il Burian, le rinunce e i sacrifici dell'anno pandemico che hanno fortificato la mia testardaggine e consumato la tendenza a procrastinare le cose e ancora una volta l'appoggio incosciente di Peppe! Il meteo porta neve anche a quote basse, ma per essere sicuri, ma non completamente, la nostra meta è l'Alta Murgia. Partiamo alle 07:00 da Taranto sotto la pioggia e non so neanche precisamente per dove!! Taranto - Rutigliano (anche se la guida attenta di Peppe ci porta prima a Noicattaro) per incontrare Nino che ci accompagnerà e soprattutto ci

TOP OF THE PEPS

Immagine
Mi ricordo quando caricavo tutto in macchina e facevo tanta strada per arrivare nel punto giusto per iniziare a pedalare in MTB meno km di quanti alla fine ne avevo fatti in auto. Mi ricordo quando infreddolito entravi nel tepore di un bar e trovavi i dolci colori della domenica ad accoglierti per restituirti l'energia persa.  Comune, Comune... Comune in un altra Provincia... Peppe mi ha mandato la traccia di un percorso, gli ho dato una rapida occhiata, ma mi fido completamente. Il bancone del bar pasticceria è meno pieno del solito, il caffè d'asporto si versa leggermente. Attraversiamo la nebbia e la foschia, è come fare un salto spazio temporale e iniziamo a pedalare in una campagna velata e fredda. Dopo sei km di strade asfaltate e in parte conosciute il cielo si dirada, improvvisamente scompare la foschia e la nebbia ed esce il sole, che ci accompagnerà per tutto il resto della pedalata,  inizia il primo tratto di sterrato facile ma in salita e dopo aver tagliato la campa

DUNE UN CANE SULL'ARGINE E BRUCIATURE

Immagine
Mentre avanzo lungo la strada non penso a niente. E' solo la pausa pranzo di un apparente anonimo giovedì di Febbraio, in giro poca gente, un sole tiepido e i colori sfocati lungo l'orizzonte. Ho dei tempi stabiliti ma non ho fretta un punto per tornare indietro ma non è detto. Il mare s'increspa solo in prossimità della riva e la sabbia forma le solide lingue felpate sull'asfalto. Tutto sembra come sempre ma non significa niente, un concentrato di tutto. Supero quel punto e vado avanti ma solo per un po'. L'infinito è bianco, il futuro senza protezioni, una torre protesa nell'acqua alla deriva nel tempo, ombre e fughe nel tufo. Una strada liquida che solca un terreno soffice, orme che corrono confuse in ogni direzione, vegetazione senza profumo, il cielo che guarda riflesso i suoi piedi che affondano nelle sabbia mobili intrise di antiparassitari e anticrittogamici, un cane beve lungo l'argine e abbaia annoiato alle sagome di passaggio veloci sulla stra