GIRO 46

L'unica cosa che avevo programmato per l'uscita di oggi (domenica 31 Marzo) era riprendere la discesa dell'Orimini, non sapevo da dove sarei partito, che strada avrei fatto, il mio punto fermo, su cui ruotare tutta la pedalata, era scendere con la cam accesa dall' Orimini... Ah, e poi una volta tornato a casa spararmi la Gent-Wevelgem in TV.
Ho improvvisato l'imbracatura della camera sul petto la sera prima, non era perfetta ma era il massimo che potevo permettermi, e per tutti gli 80 km precedenti e gli oltre 1200 mt di dislivello ho aspettato con un po' di ansia il momento in cui avrei legato il tutto ad un marsupio elastico portato sul torace!! Mi è sempre piaciuto improvvisare con mezzi di fortuna, mi ricordo ad esempio dei video realizzati per un progetto web del percussionista napoletano Capone (& Bungt Bangt) con una vecchia macchinetta (di pochi pixel) fotografica ... Ma questa è completamente un'altra storia.
Il risultato alla fine è racchiuso in questo traballante video :



Ma cosa è successo prima? Come detto nel pomeriggio vorrei vedermi la Gent-Wevelgem e non vorrei neanche arrivare troppo tardi a casa per pranzo, l'orario si è spostato un'ora in avanti così parto da San Simone dopo un breve trasferimento in auto.
Ho lasciato la giacca a casa e ho solo il gilet, e fa più freddo di quel che credevo, ma basta poco per riscaldarmi e per sentirmi a mio agio nel mio nuovo outfit di mezza stagione.
L'unica cosa che mi da noia è il marsupio sulla lombare.
Salgo per Pilano cercando il più possibile l'irraggiamento solare, non incrocio nessuno, mi fermo diverse volte per giocare un po' con la cam, ma questa volta niente video, solo autoscatti!
Anche lungo la strada che porta verso Martina non incrocio nessun ciclista, m'infilo in strade nuove rapito da una parete bianca prima e da un'urgenza fisiologica poi.
Stop al Tripoli, caffè e giro rapido per il centro storico. Decido di andare verso la Selva di Fasano prendendo la strada esterna che taglia l'abitato di Locorotondo, da strade interne arrivo a Laureto e da qui seguo l'itinerario del Giro delle Sette Chiese + Selva Oscura + questa volta nessuna sosta davanti alle chiese ma più scatti lungo gli scorci panoramici che si aprono da diverse angolature sulla Murgia che scende verso l'Adriatico.
Il giro di boa è la chiesa di San Michele Arcangelo in Frangesto poi inizio il rientro dalla strada principale, arrivato all'incrocio con le Giritoie decido di scendere verso lo zoo.
Ad ogni tornante cerco di fare una foto decente, perché quando risalirò non voglio fermarmi mai!!
Sto bene rientro sulla Selva e faccio una sosta alla fontana, mangio un panino prima di scendere e risalire verso Laureto.
La strada verso Locorotondo è quasi obbligata, per Martina invece faccio delle piccole varianti, superato il traffico asfissiante del centro prendo la deviazione laterale per San Paolo fino ad arrivare all'imbocco dell'Orimini.
Quello che è successo dopo è nel video.
A San Simone una birra, una delle ultime da qui ad un mese, per rientrare poi in auto verso casa.
Volevo riprendere la discesa e poi guardare la Gent-Wevelgem in TV ... Ma la diretta è su un canale per il quale non ho abbonamento, peccato.

muri a secco verso Martina
Notizie sulla vecchia appesa
arriva il sole
fave?
strade laterali da Laureto
il panorama da San Michele Arcangelo in Frangesto
natural carpet


Commenti

Post popolari in questo blog

NOVE COLLI LUCANI 2019 - PERCORSO CORTO WARMUP -

LA MIA LIBERTÀ È SOLO QUANDO STO CON TE / NUDO INTEGRALE

NOVE COLLI LUCANI 2019