Post

106 LIMONI E ROCCA IMPERIALE / 106 CASTELLI - PARTE SECONDA

Immagine
Anche la seconda giornata in bicicletta inizia presto. Nella mia programmazione avevo studiato un percorso per salire a Rotondella, ma come spesso capita quando cominci a pedalare subentrano delle variabili imponderabili, il caldo, la testa, le sensazioni.
Punto verso la SS106 lasciandomi alle spalle la marina e un ancora "spento" paese, quando però mi trovo all'ingresso del sottopasso che mi immette sul percorso pianificato, decido di tornare indietro e prendere la strada percorsa il giorno precedente, attraverso il confine di Regione e m'immergo nei campi.
Oggi faccio più attenzione a quello che ho intorno, tanti alberi di limoni, e tantissimi frutti non raccolti per terra! Scoprirò dopo che il limone di Rocca Imperiale è un prodotto IGP, noto nel comprensorio col nome di“Antico o Nostrano di Rocca Imperiale”. (Altre info qui)
Su un tappeto giallo laterale arrivo al bivio di ieri, questa volta prendo per la direzione opposta, un cartello turistico indica Santuario …

106 COMPLANARE E ROSETO CAPO SPULICO / 106 CASTELLI - PARTE PRIMA

Immagine
Percorrendo una strada mi soffermo sempre a riflettere sulla vita che si muove lungo i suoi bordi, delle storie che s'intrecciano tra le persone, apparentemente immobili nella loro scenografia e quelle di passaggio a varie velocità sui loro mezzi di locomozione.
Su questa cosa mi sono soffermato a lungo quando per un periodo della mia vita ho fatto il pendolare tra Taranto e Messina viaggiando sul tratto della Statale 106 Jonica fino a Sibari per poi svoltare verso l'interno per prendere la Salerno - Reggio Calabria, il tempo ha voluto che questo periodo coincidesse con i lavori di ampliamento della strada che finiva di essere una superstrada a due corsie per senso di marcia poco dopo Ginosa Marina e proseguiva poi con una sola corsia per senso di marcia senza guardrail e con un traffico da autostrada (soprattutto in estate) spalmato in un mondo fermo li da sempre.
Ricordo di file impegnative senza aria condizionata, quando si girava intorno a Scanzano Jonico, i rallentamenti …

SATURDAY NIGHT'S ALRIGHT FOR RIDING

Immagine
L'estate scorsa avevo montato le tende tra San Simone e Martina Franca uscendo in bicicletta il pomeriggio fino ai limiti del tramonto. Sicuramente alcune delle uscite migliori.
Quest'anno anche se la logistica lavorativa è cambiata mi ero riproposto di farlo ancora.
Primo obbiettivo sfuggire al caldo infernale della città, la lascio alle 16:00 che il termometro nella macchina segna 40°, obbiettivo finale la birra fresca al Caffè del Borgo, in mezzo la salita di Pilano, che dopo un primo tratto al sole ti avvolge nelle fronde fresche dei suoi alberi.
Il percorso è improvvisato, variando tra una moltitudine di stradine, che non conosco mai fino in fondo, arrivo a Martina Franca dove prendo l'acqua fresca al distributore, poi mi sposto verso Monti del Duca e San Paolo per scendere di nuovo a valle attraversando una tempesta d'insetti nel bosco dell'Orimini!
Infine le ultime pedalate con il sole sempre sopra l'orizzonte ma ora meno infuocato e poi comodamente seduto…

COASTOCOASTOCOAST 2019 - UNKNOWN ROAD

Immagine
Maggio non è stato un gran bel mese per la bicicletta, tanta pioggia, concentrata per lo più nei week-end e così alla fine ho dovuto rimandare diverse cose che avevo programmato pedalando in tutto per soli 323 km e non riuscendo, tra l'altro, a fare neanche un'uscita con più di 100 km per chiudere la Granfondo del mese di Strava.
Giugno è iniziato decisamente meglio, sia dal punto di vista meteo che da quello chilometrico.
Domenica 09 senza neanche controllare il cielo sopra la mia testa parto un quarto alle 07 per il mia consueta traversata della Puglia dallo Jonio all'Adriatico e ritorno.
Quest'anno come nelle prime due edizioni partite nel 2013 decido di arrivare a Villanova di Ostuni, cercando di saltare il lungo e pericoloso rettilineo della Provinciale 22 da Ceglie Messapica ad Ostuni immergendomi nel dedalo delle vie e delle contrade laterali a me completamente "unknown" !

La giornata è rovente, il caldo è arrivato, in ritardo e insopportabile nel giro…

LE CICLO PASSEGGIATE DELLA DOMENICA

Immagine
Una ciclo passeggiata dovrebbe essere un'occasione di crescita e di riflessione per le amministrazioni comunali che invece si limitano, il più delle volte, a sfruttare il lavoro di appassionati delle due ruote, fermandosi unicamente a mettere il cappello sulla manifestazione con un patrocinio, lo schieramento dei vigili che controllano il traffico tutt'intorno al serpentone festante di bambini ed adulti in bicicletta e a fare la loro presenza d'immagine sul palchetto d'occasione ...
Ieri a Taranto sono state organizzate in contemporanea due ciclo passeggiate Bicincittà e la StraTaranto in bicicletta.
Io personalmente ho optato per la mia Bicycle Escape, meno istituzionale, senza sponsor e senza premi, 116 km e 1153 mt di dislivello complessivi.
Prima di rientrare a casa però sono riuscito a passare dall'arrivo di una di queste due manifestazioni, ho incrociato biciclette lungo la carreggiata in contro senso su Viale Virgilio, genitori intenti a bloccare il traffico…

BICYCLE COLTURE

Immagine
La bicicletta è una coltura che riempie gli spazi con colori e geometrie che saturano i vuoti con l'armonia.
Un tappeto rosso e viola di fiori di campo ai margini della strada il grano dorato in un tardo autunno sul finire di una mai arrivata primavera, filari di vigneti a spalliera protesi in fuga verso l'orizzonte.
La bicicletta è un seme lanciato sul selciato, cresce con poco riempiendo di bellezza e frutti il mondo circostante.
Semino la bicicletta, attraverso la fatica, sotto il sole cocente o le intemperie improvvise.
Il collo abbronzato, la faccia stanca, i muscoli di chi lavora sodo, il sudore che riga la polvere sulle gambe.
La bicicletta è una coltura antica e delicata e va protetta.
Spighe verdi che ondeggiano adeguandosi all'intensità del vento, un volume fluido che cresce all'unisono riempiendo in maniera omogenea lo spazio
E c'è spazio per tutti, sullo stesso percorso, l'ortica e la camomilla, l'olivo e il fico d'india il grano e il campo …