Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2013

STORIE DI CICLISTA ...

Immagine
Ma quanto mi piace uscire in bicicletta ...
Burp!! Mi sa che la pasta al pesto prima di mettersi in sella non è stata una buona idea. Mi sono rasato le gambe solo la settimana scorsa e già sembro un porcospino!! Sono costretto a mettermi la tutina lunga, felpata ... con questo scirocco, poi dopo due ore di casco torno a casa e i capelli chi sa come vengono, uffa! Oddio! Una gara ciclistica e tutti questi davanti che non mi fanno passare ... sto vento contrario non lo sopporto, mi rallenta ... mi sono stancato, mi sa che mi compro una bici da camera.


L'ANIMALE

Immagine
La bicicletta è una cosa semplice. Pedali e vai ...
Poi però puoi entrare in un infinito mondo di riflessioni sulle giunzioni, sulle dimensioni, sulla componentistica, su quanti raggi ... su quanti pochi grammi, su quello strano tlac che senti quando cambi o sul cigolio del sellino sotto le chiappe.
Non ci voglio neanche provare ... so che una buona bicicletta costa tanto, perché dietro c'è tanto lavoro, spesso artigianale, ma anche la migliore bicicletta data al peggiore ottuso non lo trasformerà in un grande acuto!
Quello che conta sono le gambe e la voglia di sfidare te stesso (prima di tutto) ... poi sono un animale (questo è VERO) e come i cani se fiuto l'odore di altri quadrupedi, devo arrivare all'angolo e pisciarci sopra.



















L'EROICO

Immagine
Le tappe in rapida successione, a febbraio pre-iscrizione online, i primi di marzo estrazione (baciata dalla fortunata), oggi ricevo la mail per completare l'iscrizione ...
ora è ufficiale, sono regolarmente iscritto a  L'EROICA 2013 !!


Ma continuerò a parlarne ...

IL PERCORSO DEL POETA

Immagine
Il percorso del POETA è quasi il percorso perfetto ... anche se la perfezione non esiste.
Esco di casa già in bicicletta e si alternano tratti omogenei in asfalto in sterrato/scogliera, strappeti e discese la possibilità di scegliere di allungare sull'asfalto o sullo sterrato fino ad arrivare nella pineta di BLANDAMUREMBERG ... in cui poter far girare le ruote sul fondo morbido o sentire lungo la schiena tutte le scosse degli scogli che salgono dal mare ... e poi tornare a casa dopo circa 1h30' e 25km in tranquillità.

"Il battistrada che si lamenta sull'asfalto, la sabbia che si alza, la macchia mediterranea che ti graffia le caviglie lasciandoti il suo profumo, il rumore delle onde e la brezza del vento che muove le fronde degli alberi ... il sole che filtra dopo una curva accecandoti e dopo la successiva proiettando la tua ombra sugli spigoli della scogliera. E' POESIA!!"

... quasi perfetto, perché i punti di confine tra asfalto e sterrato troppo spesso son…

BLANDAMUREMBERG

Immagine
Dopo 530km di asfalto e solo gli ultimi 140km con una bdc tornare sullo sterrato e contro vento è stato pesante, poi con le ruote di marmorizzate da Lalla ... non vi sto a dire.
Alla fine sono dovuto tornare a casa nuovamente via asfalto, perché di sgonfiare le ruote proprio non mi andava!
Il tempo di qualche ripresa di prova e ci sentiamo sabato, mi ha detto il mio allenatore che dobbiamo fare le ripetute sulla ROCCA!!






IL COMMENDA

Immagine
Di solito si pedala la mattina, ma devo dire che la domenica alle 1300 per strada c'è pochissima confusione. Sole bello caldo, un venticello discreto da far ammassare i kitesurf sulla spiaggia e delle onde poco intense per far restare i surfisti sul curvone.
Andare e tornare da Campomarino in poco meno di 3h via litoranea salentina è stato piacevole.

Tralascio il solito resoconto planimetrico e di numeri ... se mi conoscete sapete dove andarlo a vedere, e mi soffermo solo un attimo sui titoli conquistati nella pedalata di ieri.
Per prima cosa l'attestato di COMMENDATORE (che non avevo certificato nei miei precedenti passaggi) e che ben poco vale se messo in relazione con lo stesso status ricevuto da Marcello, credo alla sua prima "lungapedalata", e come seconda il raggiungimento del primo posto in classifica (anche se a pari merito) sullo strappo di Torre Ovo!!




ODE TO SEVENYEARS

Immagine

UNA VERA ESPERIENZA II

Immagine
Poteva essere una domenica perfetta ... e invece ti distrai un attimo e SFREG!!
Lo so cosa significa graffiare una bicicletta ... ma alla seconda uscita ... una bicicletta che non è tua ... una bicicletta che sai quanto significa.
Tutto il resto sono solo numeri 1h e 51' di pedalata, 43.1 km percorsi 23.3 km/h di velocità media 59.3 km/h di velocità massima.
Salire leggero su per Pilano con le fronde degli alberi mosse dal vento, il cuore che ti pulsa ed il peso dell'irreparabile che ti spinge indietro e a stare zitto!!


UNA VERA ESPERIENZA I

Immagine
Pedalare per oltre 10 anni con una mountainbike e nell'ultimo anno usarla prevalentemente sull'asfalto può significare due cose: Che hanno asfaltato tutto o che sei pronto per battere in maniera più professionale la strada!!
Oggi è stata la mia prima vera esperienza con una bici da corsa su strade che conosco benissimo e che ho iniziato a pedalare con la CRUDEDUDE (ndr)!!
Sono un ultras della gamba e della testa come fattori predominanti nel ciclismo, però 10 kg in meno sotto le palle si fanno sentire, anzi non ti fanno sentire, tolto qualche doloretto per la modifica di postura, soprattutto mani, gomiti e ginocchia, questi 30 km in allegria oltre alla conquista del titolo di KingOfMountain (al primo giro)sullo strappo di Faggiano!!