Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2015

AVETRANIGHT

Immagine
Anche questa è fatta!!
Avevo programmato ad inizio Maggio tre uscite per i mesi di Giugno/Luglio/Agosto e sono riuscito a portare a termine i miei intenti.
Il COASToCOASToCOAST il SAN VICHTHYOLOGY II (anche se con un mese di ritardo) e AVETRANIGHT.

AVETRANIGHT senza ombra di dubbio era l'uscita più impegnativa a livello emotivo. Una pedalata di notte su una strada isolata come quella dell'Arneo un pò mi spaventava ma per fortuna si è unita a questa insana idea Lalla, ci siamo presi per mano ed insieme siamo partiti in bicicletta da Monteparano, siamo arrivati ad Avetrana e siamo tornati indietro.

Non è la prima pedalata notturna che faccio, ma questa è stata la più bella, per la distanza, per il silenzio irreale tutt'intorno, per le luci dei centri abitati lontani, al di la dei campi e delle ombre della vegetazione, delle luci bianche delle stelle disseminate in un cielo calmo e libero e gli occhi verdi lucenti dei tanti esseri viventi che spiavano il nostro passaggio lung…

IL MIO RAPPORTO PIU' DIFFICILE

Immagine
I - GRAZIE
Subito vorrei ringraziare, in rigoroso ordine alfabetico, Cenzo e Maria Domenica ... due persone davvero speciali, un'amicizia di quelle fresche e sincere, senza troppi fronzoli, loro hanno lavorato per la mia sistemazione in masseria e alla fine invece mi hanno ceduto il loro trullo senza zanzare (ndr)! Ragazzi davvero grazie.
Grazie a Cicli Marangiolo che come sempre, anche a cavallo di Ferragosto, ha messo a punto la mia bicicletta per affrontare questa nuova avventura (#ledoppiesonoimportanti ...)
Grazie a Lalla ... per avermi prestato il portapacchi.

II - LA PERSONA
Ho un rapporto molto difficile con una persona. E' ostinata, orgogliosa, egoista e mi rende la vita più complicata di come già lo è. Ma questa persona non la posso allontanare, fa parte di me ... e allora l'affronto, ogni volta da solo, in sella ad una bicicletta!
Già, la bicicletta. Non volevo pedalare ad armi pari, sarei sicuramente andato avanti, quella persona, se pur cattiva e senza pietà, s…

SAN VICHTHYOLOGY II

Immagine
Anche quest'anno ho completato il giro di tutta San Vito in bicicletta. Tutte le strade con nomi di pesce più le direttrici principali. Come l'anno scorso quasi 5 ore di pedalata e poco meno di 75 km (contro gli 80 del 2014) frutto di un giro più studiato a tavolino, riducendo al minimo indispensabile inutili passaggi sulle stesse strade.
Anche quest'anno non sono entrato nel Tulipano Rosso e lo stesso cane mi ha ostacolato l'arrivo alla fine della traversa di via delle Tinche.

Sono tornato a casa dopo l' 01:00, alle 06:00 sto già dando i primi colpi di pedale per le strade intorno a casa. Ieri sera il Ferragosto al Viale del Tramonto deve essere stato devastante, bracieri incatenati ai pali della luce, tende nell'umida fanghiglia e i gabbiani che svolazzano bassi tra i rifiuti e corpi umani abbandonati a se stessi e rigonfi di birra locale.
Cerco di togliermi subito questa zona prima che il sole risvegli e richiami a se i suoi adepti, lungo le stradine latera…

RIDEUPCALVERA VIDEO TEASER

Immagine
In Luglio per le strade della Basilicata ... RIDEUPCALVERA


QUELLI DAVANTI PARLANO MALE

Immagine
Esco di casa con l'intenzione di fare pochi chilometri, lungo la litoranea, poi svoltare alla Bagnara e tornare a casa.
La litoranea la mattina molto presto somiglia vagamente a quella che usualmente mi piace pedalare, quando non trovi nessuno.
La litoranea a prima mattina ad Agosto sa di cornetti bollenti quando passi davanti ai bar, di anziani che fanno avanti e indietro nelle conche con l'acqua alle ginocchia, del moto "cigolare" di qualche immigrato che pedala con le cuffiette in testa e bottiglie di vetro rovesciate nei cassoni.
Un sms dietro la spalla e il programma della seconda metà della mattinata salta, "Fai con calma" che tradotto significa che posso allungare il mio giro.
Mi superano due tizi con la bici, ci salutiamo e io silenziosamente mi metto dietro.
Quante cose puoi imparare stando dietro dei ciclisti (?!) ... parlano sempre di altri ciclisti, quasi sempre parlano male ... e almeno questi, non si preoccupano se magari lo sconosciuto alle l…

LUNA PIENA ASHRAM E CALDO AL 100%

Immagine
Easy ride, Hard training, ripetute, il lungo, sgambata ...
I ciclisti che si allenano amano chiamare e apostrofare le loro uscite con i più svariati nomi, io non mi alleno per niente in particolare, ho però una costanza nell'andare in bicicletta invidiabile e una testa sempre in movimento dove mille idee mille pensieri e mille storie si muovono in contemporanea, urtandosi, mischiandosi, destabilizzandomi.
Andare in bicicletta mi aiuta a fare ordine, a fermare quel caos invisibile.
Non conosco uscite facili, sgambate o giorni duri in bicicletta, non alleno la gamba, ma faccio riposare la testa.
Posso passare così, indifferentemente da 6/7 km insieme a Vincenzo e Nicola ad un ritmo di chiacchiera esasperante, ai 2 km con mia figlia per andare a mare con il massimo livello di attenzione o a 150 km in completa solitudine.
E posso, una sera prendere la bicicletta andare sulla ciclovia dell'acquedotto e trascorrere una serata fantastica nel silenzio della campagna di Cisternino illum…