Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2015

PRE FESTIVE500 LONG DISTANCE

Immagine
Le previsioni sul tempo libero a disposizione per pedalare tra la vigilia di Natale e San Silvestro quest'anno non sono delle migliori ... quindi credo che percorrerò la maggior parte dei 500 km lungo la litoranea, cercando di riuscire a chiudere la sfida anche quest'anno.
Oggi ho provato quella che definisco la distanza lunga, i 100 km, da casa fino a Torre Colimena e ritorno.
Solitamente mi vesto nello studio di fianco la bicicletta, oggi l'ho fatto nel bagno ed ho visto i miei occhi allo specchio illuminarsi fin da queste semplici ma fondamentali, fasi.
Esco che fuori è ancora buio decidendo di arrivare entro le 2 ore al giro di boa dei 50 e rotti chilometri.
Pedalo costante e senza forzare mai, allo scoccare della prima ora sono quasi a 26 km (malgrado la sosta per alcuni scatti fotografici). Mi fermo per il caffè a Campomarino per fare altre foto e per fare due chiacchiere con una signora tedesca che portava i cani a passeggiare lungo la spiaggia, supero San Pietro in…

SABATO E DOMENICA

Immagine
Archiviata la settimana scorsa la Granfondo di Dicembre ora pedalo esclusivamente aspettando il 24 per iniziare il mio quarto FESTIVE500 consecutivo. Continuo le mie uscite in solitaria, ieri 60 km in litoranea oggi 100 km fino a Martina Franca e questa comodità di uscire da solo ed essere libero di metterti a tirare per due che incontri poco dopo la salita di Pilano, accodarsi a dei pazzi che da San Paolo ti portano fino alla discesa di Spacca Montagna ai 40 km/h e poi in discesa li vedo piombare a valle a più di 80 km/h ... il mio limite e 60!!  Loro girano per Grottaglie io dalla parte opposta per scendere verso Taranto, non prima di aver rifiatato dietro altri due ciclisti ed averne salutati un'infinità nel senso opposto e alla fine prendersi da soli il rischio e la responsabilità di pedalare (per questioni di tempo) sulla Statale.

I PRIMI 100 KM ...

Immagine
La mia vita è piena di segnali e io sono solo un MESSAGGERO (ma la Dopa è finita) ... ed in ogni uscita interpreto dei simboli.
Svegliarsi che fuori è ancora buio, guardare il sole arancione che si alza, piano, davanti ai tuoi occhi mentre già pedali per strada, il mare alla tua destra che evapora, la risacca del mare che s'incontra con il profumo della macchia alla tua sinistra proprio su quel confine che stai percorrendo in un fantastico silenzio. Il respiro, il sole che ti scalda il volto, il profumo del caffè nel nuovo bar in cui mi fermo, la ruota che affonda nella sabbia, i fenicotteri che prima planano sull'acqua come missili e poi si alzano in volo ...
Ho dei segni sul corpo, e delle scritte per non perdermi e non dimenticare mai, ma i primi 100 km si scordano in fretta, così come ci si dimenticano i gesti ... ma non sempre quello che fai ti viene riconosciuto. Hey tu!! (Who told You?) Sarà per la prossima volta.

Poi Emma mi guarda e mi chiede, <Papà, ma non c'è…