Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2014

IO TE E LA STRADA

Immagine
Quando esco da solo in bicicletta non ho nessun problema, esco quando mi è più comodo, vado dove voglio per la strada che preferisco, pedalo alla velocità che più mi è familiare ...
Quando decidi di uscire in bicicletta con qualcun'altro invece tutte queste cose non contano più.
Devi trovare un'orario che va bene per tutti, prendere una strada che sia bella e pedalabile da tutti, avere una velocità che sia quella giusta per tutti.
Se sei disposto a tutto questo, quando pedali insieme ad altre persone per strada ti senti più sicuro, puoi scambiarci due chiacchiere, nei momenti meno impegnativi, se è una persona che conosci e se per di più è una donna, non parli esclusivamente di bicicletta ... e infine puoi farti fare delle fotografie per intero oltre ai soliti selfie che fai quando pedali da solo!!
L'altro giorno sono uscito da solo con Vera, che voleva salire su a Pilano.
Il suo tracciato da A a B era ponte Punta Penna e poi SS 172 secondo me era meglio arrivare sotto Pil…

MATERIDE IL VIDEO

Immagine
Non sono nuovo alla meraviglia che può regalare il paesaggio della Basilicata e non volevo perdere l'opportunità di inserirla intorno a questa nuova avventura in bicicletta. Certo che pedalare stando sempre attenti a controllare la camera sulla canna, fermarsi tornare indietro riprendere ripartire ... La prossima volta ci portiamo dietro un professionista, perché il mio piccolo gioco fatto di REC, COPY e PASTE non rende il giusto merito a questa terra.

Questi alcuni scatti del dietro le quinte ...


MATERIDE DIARIO

Immagine
Arriva il momento di partire per questa nuova avventura (di un solo giorno) e ci ritroviamo alle 0700 di un'afosa mattina Io il Capitano, Ciccio Butt Legs dsang, Sante il Figliol prodigo che non pedala dal weekend a Polignano a Mare dello scorso anno, le due GazaGirls Lalla in piena "attività" ciclistica e una meno in forma ma sempre decisa Vera.
Caffè e trasferimento Taranto - Matera con due macchine. Arriviamo a Matera e cerchiamo un posto in cui parcheggiare, l'istinto mi spinge a dirigere la carovana sull'arrivo di tappa dello scorso anno, alla fine lasciamo le macchine dietro i Carabinieri.
Preparazione biciclette, cremine varie, borracce, barrette e lo stretto indispensabile sui portapacchi di chi li tiene! Scendiamo verso il centro, altro caffè e uso toilette, chiediamo come arrivare sulla strada che scende verso il lago San Giuliano
"Ci sono varie strade ..." dice l'oste, "La più breve?" domanda una voce ... "NO!" Tuono i…

LE CICALE

Sono uscito nel pieno caldo del primo pomeriggio, senza aver pianificato niente, ma mi ritrovo come al solito sulla salita di Roccaforzata, la faccio a tutta, quasi a 25km/h di media ma ancora non basta ... continuo ad andare avanti, raggiungo Lalla? La chiamo ... ma cambio idea, preferisco pedalare da solo.
Giro intorno al Pappadai in completo isolamento, le cicale mi stordiscono, peccato non si possa chiudere l'anello, devo tornare indietro.
Prendo una strada che non avevo mai preso prima ed arrivo a Grottaglie spedito, passo dalla bottega Papocchia ma tutto ancora sonnecchia, torno verso Taranto non prima di aver scansato una "gigablatta" e aver fatto rifornimento d'acqua.
Solo prima di San Giorgio Jonico ho un piccolo calo ... poi tutto fila liscio.
Faceva un caldo bestiale, malgrado il temporale sfiorato a Grottaglie, ed infatti l'obbiettivo del telefono era bello che appannato ... lo scopro solo ora!


SEMPRE IN GAMBA

Immagine
Gli ultimi tre giorni della scorsa settimana a lavoro in bicicletta, le prime due meravigliose tappe del TOUR DE FRANCE ... domenica mattina la MARATONA DLES DOLOMITES ... nel pomeriggio a mare con Emma.
Poi mi sono fatto anche una bella ceretta ... e ora iniziano gli allenamenti per il #rapharising senza nessun retro/front