sabato 17 gennaio 2015

HELL IS ROUND THE CORNER

Sono uscito molto presto questa mattina ma qualcosa non era come al solito così ho cambiato la mia destinazione, anzi in realtà ho iniziato a vagare per le strade, come alla deriva.
Ad un certo punto mi sono trovato nell'inferno dietro l'angolo, un piccolo settore di finti ciottoli molto regolari ed una pavimentazione di lastroni in pietra, tutto reso scivoloso dall'umidità.
Al primo colpo di pedale la ruota posteriore perde aderenza andando da un lato, allora stringo il manubrio, e la bici inizia a sussultare, poi ancora in curva e in salita devo forzare sulle gambe per tenerla in traiettoria ... poi salgo per cercare la luce, ma devo scendere verso l'inferno, ancora, perché quello è il mio posto in questi giorni.
Prendo una delle strade più brutte. Un asfalto bolloso che mi scuote fino a dentro.

And when you walk, do you walk to your preference?
No need to answer till I take further evidence.
I stand firm for our soil
Lick a rock on foil
And as I grow, I grow collective
Before the move sit on the perspective

Nessun commento:

Posta un commento