domenica 8 aprile 2018

L'INVASO


Grazie alle donne ho iniziato la mia seconda e più impegnativa fase ciclistica passando dalla MTB alla strada.
Con le donne, scusate ... Con le ragazze, oggi sono tornato a pedalare in compagnia dopo tantissimo tempo.
Un giro pensato per le GirlPower capitanate da Lalla, che oggi ha seguito parte del suo gruppo con l'Ammiraglia, che al sig. Marangiolo gli sarebbe venuto l'occhio lucido e con il supporto sempre importantissimo di Mastro Ciccio ... Loro due hanno il potere di farmi mettere da parte la mia proverbiale fuga in solitaria riuscendo a coinvolgere nel giro oltre a Teresa Serena e Anna (a pedalare per le GirlPower) anche Francesco e ancora caldi da una quattro giorni di pedalate sul Gargano Andrea e Martina.

Un giro relativamente facile da Taranto lungo lo stradone dell'Auchan fino a Faggiano, un brevissimo tratto di pavè (per ricordare la Classica Monumento che si corre proprio oggi) e poi la salita fino a Roccaforzata. Pausa al bar della piazza per poi ripartire in direzione Monteparano e scendendo verso Carosino per girare infine intorno a tutto l'Invaso Pappadai.
Il ritorno seguendo la stessa strada a ritroso, anche se dopo Faggiano ho lasciato il gruppo per dirigermi direttamente verso casa senza transitare nuovamente dalla città.

Ognuno ha la sua motivazione per pedalare, ognuno il suo ritmo, ognuno i suoi tempi, sono cose che non possono raccontarsi tutte insieme come flussi d'acqua che da un unico invaso scorrono lungo infinite diramazioni alimentando, ognuno a suo modo, la bellezza della bicicletta, che personalmente, in questa uscita ho provato ad immortalare attraverso un punto di vista diverso dal solito, possibile solo quando non sei l'unico protagonista della tua pedalata.


il tornante verso Rocca
la salita
un panorama per tutti
francesco/teresa/serena
ciccio
martina/andrea
lalla/anna
have fun 
Pappadai the other side
si ritorna a casa
un messaggio subliminale


Nessun commento:

Posta un commento