ORIALSERIO

Per la seconda Granfondo di Strava e per la terza uscita di gruppo (anche se minimal chic) organizzata per gli Howlers si è deciso di andare ad Oria, ORIALSERIO, niente scherzi. Tra chi ha le sue cose e chi è onesto con se stesso, all'orario fissato Ezio, Io e Andrea (sempre in leggero ritardo) ma che ringrazio ancora per il cadeaux from London!
La giornata è di quelle proibitive, un fortissimo vento di scirocco per quasi tutta l'andata contrario ed un percorso Taranto-San Giorgio-Carosino-San Marzano-Oria fatto tante volte e che ancora una volta condivido con altre persone, per il puro piacere di pedalare insieme.
Con poche fermate e molta fatica siamo ad Oria in circa 2 ore e 40 minuti. Ci inerpichiamo su verso il castello per qualche foto e poi, come da programma ci fermiamo al bar per far colazione.
Ancora una volta Ezio dice che tocca a lui pagare e non discutiamo più di tanto.
Riprendiamo la marcia verso il Santuario di San Cosimo (anche questa una tappa fissa quando si passa da queste parti). Un paio di sgasate e impennate di due ragazzini in scooter super tuccati e ridotti al minimo indispensabile e continuiamo in direzione Manduria.
Dopo aver pedalato ancora controvento riusciamo finalmente a trovare la direzione favorevole deviando sulla bretella dimenticata della Bradanico-Salentina.
Pedalare su questo tratto asfaltato, neanche tanto nascosto è davvero bello, conosco gente che si farebbe pagare per una cosa del genere.
Rientriamo nel traffico canonico in prossimità di San Marzano e dopo aver schivato un gregge che rientra in paese, ripercorriamo la strada in senso inverso l'uscita dal Pappadai è completamente folle ... il vento un muro di gomma in cui è difficile andare avanti.
Ci separiamo ed ognuno procede del suo passo verso i propri impegni.
Sulla circonvallazione di San Giorgio che di solito affronto a tutta, sono costretto dalle fortissime raffiche laterali destabilizzanti ad un'andatura cauta e timorosa.
Anche lungo la strada esterna a San Donato la situazione non cambia ed il vento è un pessimo e spietato avversario.
Chiudo la mia giornata con 106 km totali ed una grandissima fatica.

foto di gruppo sotto il castello di Oria
Basilica 
gentaglia seria 01 ANDREA
gentaglia seria 02 FLOZ
gentaglia seria 03 EZIO
sulla hidden road, portatevi l'acqua
a pedalare con costanzo
prove tecniche di crono

Commenti

Post popolari in questo blog

THE HOWLERS - HISTORY OF NOW

IL GIRO DELLE SETTE CHIESE + SELVA OSCURA +

L'INVASO