sabato 2 gennaio 2016

25/12 DAY TWO #FESTIVE500 - PINK FLAMINGOS

Cenone di Natale molto intimo e con pochi fronzoli in famiglia, anche quest'anno vesto i panni di Babbo Natale per farmi intravedere da Emma mentre lascio i pacchi dietro la porta. Mi defilo nel giardino mentre la sento salutarmi, il tempo di cambiarmi e rientrare che la sento gridare per la gioia dei doni ricevuti e anche se un paio non gli abbiamo trovati (i più grossi) lei è felice ugualmente!!
Alle 06:00 sono già per strada, il cielo è limpido e stellato, la temperatura mite. Anche oggi pedalo lungo la litoranea, a pranzo mi aspetta una tavola più impegnativa ed anche oggi non voglio fare tardi e sfruttare al massimo il tempo disponibile.
Vedo tutto nella penombra fino a Torre Sgarrata quando incontro il bacio del primo raggio di sole un attimo di sosta per godermi il momento, sempre suggestivo e poi senza sosta fino a Campomarino per il caffè.
Il tipo parla ancora da ieri, ma quando entro si ferma un attimo per dirmi "Auguri prima di tutto!". La ragazza al bancone è la stessa e i discorsi su questo e su quello s'intrecciano confondendo anche me.
Gironzolo per il centro deserto e poi ricomincio a pedalare in direzione Torre Colimena dove girerò la bicicletta e tornerò indietro.
Non resisto al passaggio all'interno della salina, anche se so che riempirò la bicicletta di sabbia umida. Ma una sbirciata ai fenicotteri rosa merita questo piccolo sacrificio.
Il ritorno verso casa è tranquillissimo.
Procedo con un andatura rilassata e costante. La strada è pressoché deserta ed anche i soliti gruppi in senso inverso non ci sono.
Oggi è Natale e questa pace forse è il migliore dei regali che potevo ricevere.

106 km senza eccessi, senza mangiare merda, senza nessun travestimento da brava persona.


il primo sole
la baia di Torre Ovo
you too
la Campomarino etnica
la mia terrazza sul mare
fenicotteri rosa una meraviglia
la foce del Chidro




Nessun commento:

Posta un commento